Meditazione, avventurina e macchina per il gelato

October 15, 2014

Il titolo di questo post rispecchia la mia natura. Tempo fa, se avessi dovuto trovare la parola per definirla, avrei detto "frammentata", mentre oggi preferisco "multiforme".

A 38 anni mi ritrovo a dover ricostruire gran parte della mia vita, come un palazzo che abbia subito un terremoto e che debba essere messo in sicurezza.

Ho scoperto che questa sicurezza non posso cercarla in fattori esterni se prima non metto ordine nella mia vera casa: il cuore. Non è una cosa semplice: sono di una generazione,  sia come età ma soprattutto come genere (le donne hanno tutta una serie di convenzioni sociali sulle spalle da far spavento!).  che ha per prima cosa sempre "fatto il suo dovere". Sono stata fortunata, perché negli ultimi anni mi è stato insegnato che esiste una sorta di "egoismo buono" (come il colesterolo) per cui non sempre il pensare prima a se stessi è male. Ci sto arrivando a poco a poco: mi sono iscritta a una corso di meditazione, voglio scegliere un ciondolo in avventurina da portare sul cuore, ho comprato una macchina per il gelato di seconda mano per prepararmelo da sola, visto che lo adoro ma sono intollerante al lattosio. 
Ricomicio da me, a 38 anni... e non avete idea della vertigine che mi regala scrivere questa frase!

 

Please reload

Featured Posts

Ce n’è voluto, di tempo!

April 24, 2018

1/10
Please reload

Recent Posts

February 3, 2017

October 26, 2016

August 5, 2016

Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic